È ripartito oggi il progetto didattico “Anconelliamoci”, alla sua seconda edizione, il cui obiettivo è quello di sensibilizzare i bambini sul tema dell’ambiente, rendendoli maggiormente attenti ai parchi urbani e consapevoli della loro importanza nella vita della città, sia per quel che riguarda la qualità dell’aria che respiriamo, sia per la loro funzione di luogo di aggregazione sociale.

L’iniziativa, promossa in collaborazione con il Quartiere 3 del Comune di Firenze, si rivolge quest’anno a tre terze elementari della scuola Villani, che saranno coinvolte in un percorso in tre tappe: la prima, quella di oggi, è stata una lezione in aula della durata di circa un’ora per ogni classe, in cui l’agronomo Giovanni Zorn, della cooperativa Agriambiente Mugello, ha spiegato ai bambini cosa sono i cambiamenti climatici e come possono compromettere la salute del pianeta arrivando poi a illistrare l’importanza della scelta delle alberature adatte a sostenere il peso di questi cambiamenti e alla loro utilità nell’ecosistema urbano. Punto centrale dell’intervento il racconto di quali alberi sono stati scelti per il risanamento del parco dell’Anconella e quali caratteristiche li differenziano da quelli che sono stati spazzati via dalla tempesta del 1 agosto 2015.

Questo progetto fa parte delle azioni messe in campo da Legacoop Toscana che grazie al contributo di Coopfond e alle donazioni delle cooperative associate ha raccolto 100mila euro con cui ha finanziato la fornitura e la messa in posa di circa 150 piante, oltre alla manutenzione dei nuovi alberi per tre anni, fino a fine 2018.